Notizie legislative

16/01/2018> Prevenzione incendi attività ricettive - Proroga condizionata al 30/06/2019

Si segnala che la legge di bilancio per l'anno 2018 ha previsto la possibilità di adeguare gradualmente alle prescrizioni antincendio le strutture alberghiere esistenti già dotate di misure di sicurezza.
Il termine per il completamento degli adeguamenti, scaduto lo scorso 31 dicembre, è stato prorogato al 30 giugno 2019 per le sole strutture alberghiere con più di 25 posti letto esistenti alla data del 9 aprile 1994 e in possesso dei requisiti di sicurezza previsti dal decreto 16 marzo 2012 per l'asmmissione al piano straordinario di adeguamento antincendio.

La validità della proroga è subordinata alla presentazione al Comando regionale dei Vigili del Fuoco entro il 1° dicembre 2018 della SCIA parziale, attestante il rispetto di almeno quattro delle seguenti prescrizioni, come disciplinate dalle specifiche regole tecniche:
-resistenza al fuoco delle strutture
- reazione al fuoco dei materiali
- compartimentazione
- corridoi
- scale
- ascensori e montacarichi
- impianti idrici antincendio
- vie d'uscita ad uso esclusivo, con esclusione dei punti ove sia prevista la reazione al fuoco dei materiali
- vie d'uscita ad uso promisquo, con esclusione dei punti ove sia prevista la reazione al fuoco dei materiali
- locali adibiti a deposito

>Leggi tutto l'articolo

11/07/2017 > www.legislazionetecnica.it - Prevenzione incendi rifugi alpini: regola tecnica e scadenze per l'adeguamento prorogate - A cura di: Alfonso Mancini

Il D. Min. Interno 03/03/2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 62 del 15/03/2014, aggiorna le disposizioni di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere, con particolare riguardo al Titolo IV relativo ai rifugi alpini, e fissa i termini per l’adeguamento alle nuove norme delle attività esistenti al 14/04/2014 (data di entrata in vigore del provvedimento) come di seguito illustrato.

RIFUGI ESISTENTI CON CAPIENZA SUPERIORE A 25 POSTI LETTO - Devono essere adeguati entro il 31/12/2017 (termine così prorogato, da ultimo, ad opera dell’art. 5, comma 11-quinquies, del D.L. "Milleproroghe” 244/2016), con riferimento ai seguenti requisiti previsti dalla nuova regola tecnica:

    9 - Impianti elettrici
    11.2 - Estintori, incluso il punto 26.3, lettera h), ove pertinente;
    13 - Segnaletica di Sicurezza;
    14 - Gestione della Sicurezza;
    15 - Addestramento del Personale;
    17 - Istruzioni di Sicurezza.

I rifugi in oggetto devono invece essere adeguati a tutti i restanti punti della predetta regola tecnica entro il 31/12/2019.

RIFUGI ESISTENTI CON CAPIENZA INFERIORE A 25 POSTI LETTO - Devono essere adeguati entro il 31/12/2019 con riferimento a tutti i requisiti previsti dalla Regola tecnica.

ULTERIORI PRESCRIZIONI - Entro ciascuna delle scadenze segnalate, dovrà essere presentata la SCIA ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. 151/2011.
Inoltre, il progetto da allegare all’istanza preliminare di cui all’art. 3 del medesimo D.P.R. 151/2011 dovrà indicare le opere di adeguamento ai requisiti di sicurezza sopra elencati.

ESCLUSIONI - L’obbligo di adeguamento non sussiste qualora alla data del 14/04/2014:
sia già stata presentata la Segnalazione Certificata di Inizio Attività ai sensi dell’art. 4 del D.P.R. 151/2011;

siano stati pianificati o siano in corso lavori di ristrutturazione o ampliamento, sulla base di un progetto approvato dal competente Comando provinciale dei Vigili   del fuoco, ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. 151/2011.

>Leggi tutto l'articolo

Obbligo accatastamento fabbricati rurali

Fabbricato rurale

L’Agenzia delle Entrate con nota del febbraio scorso, rammenta l’obbligo da parte dei possessori di fabbricati rurali (e/o loro porzioni) di censire i propri immobili al Catasto Fabbricati.

 Essendo scaduto il termine per l’accatastamento il 31 maggio 2013, gli Uffici provinciali - Territorio stanno avviando gli accertamenti e quando il soggetto obbligato risulta essere  inadempiente, procedono alla regolarizzazione catastale dell’immobile d’ufficio.

Questo comporta, a carico del proprietario, l’esborso dei costi relativi alle pratiche catastali eseguite OLTRE all’applicazione delle sanzioni previste per legge che vanno da € 1.032 a € 8.264.

Per evitare dette sanzioni è possibile che il proprietario del fabbricato/i provveda autonomamente (tramite tecnico incaricato) e nel più breve tempo possibile, all’iscrizione in catasto con una sanzione comunque dovuta ma ridotta a € 172.

Il nostro Studio è a Vostra disposizione per verificare se il Vostro fabbricato risulti essere nelle liste dei beni da regolarizzare e eventualmente per l’espletamento delle pratiche di iscrizione al catasto, onde evitare le sanzioni maggiorate di cui sopra (oneri per pratiche catastali + sanzione da € 1.032 a € 8.264).

Per informazioni è possibile contattare il Geom Francesco Perrone presso i nostri uffici  al n. 0165-846683.

02/03/2017> www.biblus.acca.it - Mille proroghe in Gazzetta: ecco le principali misure in edilizia -Di BibLus net

Il maxi-emendamento di conversione in legge del Decreto Milleproroghe (244/2016), ingloba circa 100 emendamenti approvati in commissione affari istituzionali. Cliccando sul link  è possibile visionare le principali misure addottate in ambito edilizio.

Attenzione: prorogato al 31 dicembre 2017 il termine per l'adeguamento antincendio per rifugi alpini  e alcune strutture ricettive turistico-alberghiere, in particolare quelle:
  • con oltre 25 posti letto
  • esistenti alla data di entrata in vigore del decreto ministeriale 9 aprile 1994 (che ha approvato la regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere)
  • in possesso dei requisiti per l’ammissione al piano straordinario biennale di adeguamento antincendio (approvato con decreto del ministro dell’interno 16 marzo 2012).

 Per  informazioni è possibile contattare presso i notri uffici il  Geom.  Marco D'Anna al n. 0165-846683.

>Leggi tutto l'articolo

    03-07-2016 > www.professionearchitetto.it - La fattura elettronica gratis - Di Mariagrazia Barletta

    Dal 1° luglio è disponibile un'applicazione gratuita messa a punto dall'Agenzia delle Entrate che permette alle partite IVA (imprese e professionisti) di generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche. Da sottolineare inoltre la possibilità di alcuni vantaggi dal punto di vista fiscale per i contribuenti che scelgono di servirsi della fattura elettronica anche per clienti privati.
    >Leggi tutto l'articolo

    21-06-2016 › www.ediltecnico.it - Professionisti antincendio, a rischio sospensione.

    Professionisti antincendio, a rischio sospensione dagli elenchi per mancato aggiornamento
    L’Analisi sull’aggiornamento dei professionisti dell’antincendio condotta dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, aggiornata al 9 giugno 2016, quindi a circa due mesi dalla scadenza del primo quinquennio di aggiornamento obbligatorio, delinea con buona approssimazione la consistenza degli elenchi dei professionisti dell’antincendio....
    Leggi tutto l'articolo

    23-08-2016 > www.ediportale.com - Servizi di ingegneria e architettura, Consiglio di Stato: linee guida incomplete. - Di Paola Mammarella

    "Le linee guida Anac per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, attuative del Codice Appalti, non hanno definito i criteri premiali per agevolare la partecipazione di giovani professionisti e i metodi per valutare gli incarichi svolti per conto di committenti privati.
     Allo stesso tempo, però, sono state introdotte restrizioni aggiuntive sull’affidamento della relazione geologica e la soglia di sbarramento al punteggio tecnico. Regole che non sarebbe possibile inserire dal momento che le linee guida non sono vincolanti, ma il loro compito è quello di rendere più armonico il quadro normativo, che appare frastagliato e dispersivo.
    Sono queste alcune delle osservazioni contenute nel parere che il Consiglio di Stato ha emesso di recente."
    >Leggi tutto l'articolo

    COURMAYEUR

    Strada Margherita, 23A
    11013 Courmayeur (AO)
    T. +39 0165 84 66 83
    F. +39 0165 84 63 63
    M. info@inart.it
    PEC inartsrl@pec.it
    P.IVA : 00143770071

    Cookies | Privacy

    AOSTA

    Corso Lancieri, 2/E
    11100 Aosta
    T. +39 0165 84 66 83
    F. +39 0165 84 63 63
    M. info@inart.it
    PEC inartsrl@pec.it
    P.IVA : 00143770071



    Cookies
    Privacy

    Valid XHTML 1.0 Strict  •  Valid CSS!  •  VisaMultimedia - Grafica | Internet | Multimedia | Video | Fotografia  •  Cloud Hosting Provider - HEXTRA